La notte del Getsemani E-libro


La notte del Getsemani - Massimo Recalcati pdf epub

PREZZO: GRATUITO

INFORMAZIONE

LINGUAGGIO: ITALIANO
STORIA: 14/05/2019
SCRITTRICE/SCRITTORE: Massimo Recalcati
ISBN: 9788806240103
FORMATO: PDF EPUB MOBI TXT
DIMENSIONE DEL FILE: 7,17

SPIEGAZIONE:

Secondo il racconto dei Vangeli, Gesù, dopo l'Ultima Cena, si ritira nei pressi di un piccolo campo poco fuori Gerusalemme: è il Getsemani, l'orto degli ulivi. Alla testa di un gruppo di uomini armati, arriva Giuda che indica Gesù ai soldati baciandolo. Questo bacio è divenuto il simbolo dell'esperienza straziante del tradimento e dell'abbandono. Ma anche i suoi discepoli e Pietro stesso, il più fedele tra loro, tradiscono il Maestro lasciandolo solo. Nella notte del Getsemani non c'è Dio, ma solo l'uomo. E lo scandalo rimproverato a Gesù: aver trascinato Dio verso l'uomo. La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo.

...a solitudine, la preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo ... La notte del Getsemani - Massimo Recalcati - Recensioni di ... ... . Recensioni. Enzo Bianchi, La Stampa, 11 maggio 2019 Alessandro Zaccuri, Avvenire, 23 maggio 2019 Domenica 25 febbraio si è tenuto a Bose il confronto con Massimo Recalcati dal titolo: "La lezione del Getsemani". Il noto psicanalista ha offerto ai quasi cinquecento presenti una ricca lettura dei racconti della notte precedente alla passione di Gesù da un punto di vista antropologico. La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella ... Recensioni La notte del Getsemani - Massimo Recalcati ... ... . La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. «La qualità letteraria è notevole, l'aspetto pedagogico come sempre chirurgico, la narrazione attiene al fascino che l'autore emana anche dagli schermi televisivi ogniqualvolta affronti temi di interesse generale, riconducendoli all'alveo accademico con efficacia pressoché assoluta» - Luca Bottura, Robinson Ciò che è accaduto quella notte, nell'orto del Getsemani, non è l'inizio della passione del Figlio di Dio, non solamente, ma la passione di un'anima di uomo, che affronta l'abbandono, la solitudine, l'angoscia terribile della mancanza e il silenzio del Padre; è la notte del tradimento dell'uomo verso l'uomo, dell'abbandono colpevole degli amici, del soverchiante potere La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua piú radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. Secondo il racconto dei Vangeli, Gesú, dopo l'Ultima Cena, si ritira nei pressi di un piccolo campo poco fuori Gerusalemme: è il Getsemani, l'orto degli ulivi. Alla testa di un gruppo di uomini armati, arriva Giuda che indica Gesú ai soldati baciandolo. La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua piú radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. Dettagli prodotto . Editore . La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. Nell'orto del Getsemani, dove "il sudore diventa sangue", nessuno resta sveglio, nessuno sa condividere con Cristo il peso della notte. Solo il figlio dell'uomo rimane nell'insonnia, solo lui fa esperienza dell'abbandono assoluto. Gesù nel Getsemani è rimasto veramente solo! ... tra le undici e mezzanotte, o almeno la notte del primo giovedì del mese. Il momento più indicato e sopratutto il Giovedì Santo. In questa notte del Getsemani, Recalcati sottolinea tre esperienze fondamentali che Gesù ha condiviso con ogni vita umana. Il primo, che è uno degli aspetti più tragici di cui Gesù fa esperienza in questa notte, è senz'altro quello del tradimento di un compagno che aveva lasciato tutto per seguirlo.Tutti noi qualche volta abbiamo provato con tristezza, come Gesù, il tradimento di chi ha ... Settimana santa - Domenica delle Palme LA NOTTE DEL GETSEMANI Un libro di Massimo Recalcati giornate guidate da Alessandro Barban, monaco di Camaldoli La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. (Einaudi, 2019). Non c'è Dio, ma solo l'uomo. È lo scandalo rimproverato a Gesú: aver trascinato Dio verso l'uomo. È la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. È l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta. La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. In primo piano c'è l'esperienza dell'abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell'uomo. Nelle tenebre del Getsemani Gesù cerca l'alba di Dio. Recalcati "analizza" la solitudine di Cristo prima del Calvario. Una notte che racchiude tre esperienze radicali per ogni vita: il ......